Comitato tecnico/scientifico

Jesús D’Alessandro

D’Alessandro has been guest speaker at 17th Venice Architecture Biennale on the dialogue “The unifying role of design in our cities”, awarded by Academia Nacional de Arquitectura de México for his contributions to the field, member of jury at Francisco Luis Porrata-Doria Medal architectural award granted by Pontificia Universidad Católica de Puerto Rico, Santo Domingo host for the World Bank project Participative Urban Design led by Austrian firm Superwien, is currently one of the urban resilience project leads at Columbia World Projects-Columbia University,  invented and patented a foldable film architectural structure aimed to address needs in the aerospace and light tent industry. In 2019 he was the invited lecturer to the official 257Th session of Academia Nacional de Arquitectura de México Capítulo Monterrey.

D´Alessandro has authored and published articles on architectural form in journals of the Architectural Institute of Japan (AIJ), coauthor of book “The Italian Legacy in the Dominican Republic: History, Architecture, Economics, Society” (Saint Joseph´s University Press), his doctoral dissertation in Western Michigan University probes into the relationship between collective memory and social behavior. D’Alessandro’s experiments on sustainable architecture have been highlighted in World Architecture News and the Czech Technical University in Prague publication “150 000 PET Bottles, A Book on PET Bottles in Architecture. He is coordinator for Santo Domingo at Unión de Ciudades Capitales Iberoamericanas (UCCI), as well as at Ciudades Capitales de Las Américas frente al Cambio Climático (CC35).

Alumni at Universidad Iberoamericana de Santo Domingo, D’Alessandro was awarded the Japanese MEXT Scholarship to attend an architecture and planning master course at Mie University, Japan, were he trained from 2001 to 2005. Later on, he earned his Ph.D. in Western Michigan University within the Department of Educational Leadership, Research and Technology. Parallel to his graduate studies, D’Alessandro started a professional and academic career focused in sustainable architecture, urban planning and architectural education. Since 2016, he serves as a mayors’ advisor and leading public official at the City of Santo Domingo, which has been considered the fastest growing urban economy of The Americas by Oxford Economics. In such capacity, he coordinated among other social contracts, the construction of Plan Estratégico del Distrito Nacional 2030, and currently co-works in regulations and urban design projects aiming at improving the quality of life of the people in the city.  Parallel to his public work, since 2018 he leads the Escuela de Arquitectura de la Universidad Iberoamericana (UNIBE), known for the quality of its educational standards, innovation and social impact. D’Alessandro has been invited to participate as contributor to city development panels held by the Organizzazione Internazionale Italo-latinoamericana (IILA), UNDP, CEPAL, CC35, and World Bank.

As a social entrepreneur, he created the Hispaniola Sustainability Forum (FHS) that reunited for two years (2014 and 2015) social, political, scientific, civil and academic leaders of Dominican Republic, Haiti and the United States, to discuss the integral challenges of the region and seek for common goals and interests. Additionally, in 2018 he created Foro EAU de Arquitectura Inmobiliaria, an ongoing yearly encounter to discuss the role of architectural and urban design for real estate projects in the sustainable development of the City of Santo Domingo.

In 2021, D´Alessandro was awarded Distinguished Visitor of San Juan de Puerto Rico by the city´s Mayor, Mr. Miguel Romero. In 2022, D’Alessandro was awarded the Academic Excellence Award by the President of Universidad Iberoamericana. Previously in his career, his teamed design work was awarded by the Holocaust Human Rights Center of Maine and the City of Henderson (Nevada) within the context of international design competitions. In 2018, D’Alessandro was invited by Bloomberg Philanthropies and the World Health Organization to Kuala Lumpur as a regional leader to attend their workshop in the eve of the World Urban Forum 9 (WUF9).

Helge Mooshammer

Helge Mooshammer is an architect, author and curator. He conducts urban and cultural research in the Department of Visual Culture at the TU Wien, is Co-Director of the Centre for Global Architecture, and Research Fellow at Goldsmiths College, University of London. He has initiated and directed numerous international research projects focusing on issues relating to (post)capitalist urban economics and urban informality, including the Austrian Science Fund (FWF) projects “Relational Architecture” (2006-09), “Other Markets” (2010-15) and “Incorporating Informality” (2018-23). In 2008 he was a Research Fellow at the Internationales Forschungszentrum für Kulturwissenschaften (IFK) in Vienna. He has taught at a number of institutions, including the University of Art and Design Linz, the Merz Akademie Stuttgart, and Goldsmiths College, University of London.

Helge Mooshammer’s current research is focused on architecture, contemporary art and new forms of urban sociality in a context shaped by processes of trans-nationalisation, neo-liberalisation and infrastructuring. Together with Peter Mörtenböck he curated the Austrian Pavilion at the Venice Architecture Biennale 2021, which explored the theme of “platform urbanism”. 

His latest publications co-authored with Peter Mörtenböck include Informal Market Worlds: The Architecture of Economic Pressure (with Teddy Cruz and Fonna Forman, nai010 publishers, 2015), Visual Cultures as Opportunity (Sternberg, 2016), Data Publics: Public Plurality in an Era of Data Determinacy (Routledge, 2020), and Platform Urbanism and Its Discontents (nai010 publishers, 2021). The two authors are currently working on their new book, Building Capital: Urban Speculation and the Architecture of Finance.

Peter Mörtenböck

Peter Mörtenböck is Professor of Visual Culture at the TU Wien, Co-Director of the Centre for Global Architecture and Research Fellow at Goldsmiths College, University of London. His research is focused on the architecture of the political community and the economisation of the city, as well as the global use of natural resources, urban infrastructures and new data publics. Together with Helge Mooshammer, he curated the Austrian Pavilion at the Venice Architecture Biennale 2021, which explored the theme of “platform urbanism”. Currently he is leading the Austrian Science Fund project “Platformed City” (2022-2026).

Peter Mörtenböck’s appointment at the TU Wien was preceded by two other offers of a professorship in Vienna – Professor of Architectural Design (Geography, Landscapes, Cities) at the Academy of Fine Arts Vienna (2018) and Professor of Architectural Theory at the University of Applied Arts Vienna (2019). Following his professorial habilitation in the field of cultural history at the TU Graz, he was immediately offered the position of Professor of Media Aesthetics at the University of Paderborn, a position he held in 2002. Prior to this he was a guest professor of fine art at the University of Art and Design Linz from 2000 to 2001, and from 1998 to 2000 he conducted research at Goldsmiths College, University of London, and returned there as a Marie Curie Intra-European Fellow from 2005 to 2007.

His latest publications co-authored with Helge Mooshammer include Informal Market Worlds: The Architecture of Economic Pressure (with Teddy Cruz and Fonna Forman, nai010 publishers, 2015), Visual Cultures as Opportunity (Sternberg, 2016), Data Publics: Public Plurality in an Era of Data Determinacy (Routledge, 2020), and Platform Urbanism and Its Discontents (nai010 publishers, 2021).

Laura Villani

Nata a Torino, si laurea in architettura a Firenze con 110 e Lode e sempre in architettura negli USA alla Houston University, Texas. Tiene conferenze in diverse università in Italia ed all’estero corsi principalmente negli Stati Uniti ed in Cina. Consulente di linee per la casa di catene americane e giapponesi, ha collaborato per gli interni dello Spacelab Nasa. Molte le opere di restauro, arredamento e progettazione quali importanti palazzi, castelli, ville, alberghi, negozi e showroom e i prodotti di industrial design che portano la sua firma con mostre a lei dedicate quali quella a Doha Qatar inaugurata alla presenza del Presidente Giorgio Napolitano. Ha realizzato oltre trecento mostre in musei e spazi culturali internazionali con grandi personalità dell’arte, dell’architettura, del design, della moda, della musica, tra queste Symbols a Palazzo Vecchio a Firenze, le varie edizioni di Futurdesign, inaugurata nella sua edizione milanese da Bill Gates, Montecarlo Legends inaugurata dal Principe Alberto e le edizioni di Perchè No? con le più importanti firme della fotografia internazionale. A Chicago ha curato la mostra Italian Design e Designers inaugurata da Sergio Marchionne. Tra le iniziative espositive Amarsi ora e sempre su d’Annunzio e la Duse, Elio Fiorucci Love Makes Life Magic e per la Regione Sardegna Fenici Portrait. Ha ideato Beauty Travel Lifestyle, la prima manifestazione in Europa su gli stili di vita e alla Triennale di Milano Design on Stage. Incaricata di curare progetti istituzionali per la Biennale d’Arte e di Architettura di Venezia, la Biennale nel Montenegro, il Festival del Cinema di Venezia e di Roma, per l’Expo di Milano ha ideato il progetto Il Cantico delle Creature per la salvaguardia del pianeta. A Pechino e Shanghai ha prodotto diverse edizioni di Made in Italy in the World per promuovere le eccellenze del made in Italy. Curatrice di musei e collezioni per l’Università di Bologna e per gruppi industriali quali OVS, Refin e Sacmi sta realizzando un nuovo museo sullo spettacolo e la musica contemporanea. Tra i premi istituiti il Principe e l’Architetto, sul ruolo del committente illuminato e Tre Tourism Real Estate sull’architettura per l’ospitalità. Al suo lavoro sono state dedicate numerose pubblicazioni. Tra gli incarichi quelli SACI University President Council, Priore di Venezia dell’Ordine Bizantino del Santo Sepolcro, Direttore Artistico del Montecatini Film Festival, Presidente Tehmina Durrani Foundation, membro di associazioni, fondazioni e musei in Italia ed all’estero quali a Venezia The Venice Foundation dei musei civici veneziani. La sua biografia è stata inserita nel libro Merito al femminile – Talenti di donne del Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali e Ministero per le Pari Opportunità. Le sono stati attribuiti il Deutscher Designer Club Design Award, il premio Profilo Donna, il Premio della Camera dei Deputati della Repubblica Italiana, l’Imperial Price a San Pietroburgo, il Clemson Fellowship, Architectural League di New York, la Laurea Honoris Causa in Scienze della Comunicazione dell’Università di Malta, il Premio alla Carriera del Senato della Repubblica Italiana

Vincenzo Melluso

Vincenzo Melluso (Messina, 1955) si laurea nel 1981 presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Palermo dove adesso è professore ordinario in Progettazione Architettonica e Urbana.

Nella sua attività di studioso è stato impegnato, attraverso varie iniziative culturali ed editoriali, ad approfondire e promuovere esperienze legate all’architettura moderna e contemporanea, con specifica attenzione a quella emersa nell’ambito del territorio messinese individuando e valorizzando, in particolare, le figure di Vincenzo Pantano e Filippo Rovigo. 

Ha insegnato e svolto conferenze presso varie sedi universitarie e nell’ambito dei programmi di Istituzioni culturali, italiane e straniere. Tra queste ultime si ricordano l’Accademia di Architettura di Mendrisio, la Cornell Architecture Art Planning di Ithaca/NY, la Tecnische Universität di Vienna, lo IUAV di Venezia.

È invitato alla VI e VIII edizione della Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia e nel 2012 è finalista per il Premio “Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana” promosso dalla Triennale di Milano.

La sua attività progettuale è stata spesso all’attenzione della critica. Documentata su varie pubblicazioni e riviste ed illustrata nell’ambito di numerose mostre, in Italia ed all’estero, i suoi progetti hanno sempre evidenziato grande attenzione ai temi del paesaggio e ai caratteri della struttura insediativa della città.

Marina Montuori

Marina Montuori (Milano,1945), si laurea in Architettura a Napoli, dove svolge attivita didattica e di ricerca dal1970. Dal 1983 si trasferisce a Venezia presso l’IUAV dove dirige laboratori integrati sia nel triennio che nel Corso di Laurea magistrale di Architettura per la Sostenibilità e Architettura e Costruzione, come ricercatore prima e come professore associato poi. Dal 2006 è professore ordinario presso l’Università degli Studi di Brescia nel Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura dove insegna “Architettura e Composizione” (SSD ICAR/14). Dal novembre 2015 è fuori ruolo. Le sue ricerche prevalentemente coincidono e si intrecciano con la didattica svolta nei corsi e nelle tesi di laurea (più di 350 seguite finora). Dal 2011 è responsabile scientifico per l’Università degli Studi di Brescia del progetto REA – Rete di eccellenza per la internazionalizzazione della formazione nel campo dell’Architettura promosso dalla Fondazione Cariplo. Ha stipulato con istituzioni ed enti pubblici numerose convenzioni i cui esiti progettuali sono stati oggetto di mostre, pubblicazioni e riconoscimenti nazionali e internazionali, tra cui il premio “Luigi Piccinato” per l’urbanistica e la pianificazione territoriale (2013). Partecipa a numerosi concorsi di progettazione, a esposizioni nazionali e internazionali, a workshop in Italia e all’estero. È stata visiting professor in Belgio, Cina, Francia, Germania, Olanda, Perù, Spagna. Collabora a riviste di settore, è curatrice di molteplici iniziative editoriali, pubblica numerosi articoli, saggi e monografie sui temi della composizione architettonica e urbana. Dirige la collana Occasioni di architettura per i tipi di Officina Edizioni, Roma e la collana Expectations. per LetteraVentidue, Siracusa. Dal 2008 al 2012 è responsabile scientifico dei Quotidiani dei Workshop internazionali di progettazione dell’Università Iuav di Venezia.

Website: unibs.it/gruppo-architettura/

Alberto Soci

Alberto Soci (Milano, 1978) si laurea in Architettura Civile presso il Politecnico di Milano (2002), con una tesi compositiva sul consolidamento del sistema culturale centrale di Milano dal titolo: La Biblioteca Europea di Informazione e Cultura (BEIC) di Via Larga. Dal 2009 è dottore di ricerca in Composizione Architettonica, presso la Facoltà di Architettura Civile di Milano. Svolge attività di didattica e di ricerca presso il Politecnico di Milano, Corso di Laurea in Architettura Civile e l’Università degli Studi di Brescia, Corso di Laurea Specialistica a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura (DICATAM). È autore di pubblicazioni scientifiche a carattere nazionale ed internazionale tra cui le monografie: Alessandro Antonelli. Elogio della follia (Libraccio Editore, 2017) e Architettura Esposizione Città (Libraccio Editore, 2015). 

È professore a incaricato nel Corso di Architettura e Composizione Architettonica 2 (2017 – oggi) presso l’Università degli Studi di Brescia nel Corso di laurea magistrale a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura. 

Partecipa a concorsi nazionali e internazionali. Suoi progetti sono stati esposti presso la Camera di Commercio di Milano, il Politecnico di Milano, la University of Technology of Beijing e pubblicati in riviste nazionali e internazionali. Già Visiting Professor all’Universidad Nacional de Ingenieria de Lima (FAUA).

L’attività di ricerca è consolidata, grazie alla partecipazione a progetti di ricerca nazionali e internazionali, sui temi della composizione architettonica e della progettazione urbana. L’esperienza maturata è stata trasferita in sede didattica apportando, ai corsi ai quali ha collaborato e alle tesi di laurea seguite, significativi contribuiti di carattere teorico e progettuale.

Dal 2008 è titolare dello studio di Progettazione Architettonica ARCHAM STUDIO Milano dove svolge attività concorsuale nazionale e internazionale su diversi temi legati alla città e il suo patrimonio culturale.

Nel 2021 è stato Insignito del titolo di Cavaliere all’Ordine al Merito della Repubblica italiana dal Presidente della Repubblica.

Marco Agostinelli

Marco Agostinelli é nato a Panicale (PG) nel 1961, vive e lavora a Venezia dal 2007.

Regista e artista visivo ha partecipato a mostre e Festival in tutto il mondo.

Ricordiamo tra le tante rassegne in Italia quelle del Museo della Permanente e della Triennale a Milano, quella di Palazzo Vecchio e del Museo Marino Marini a Firenze, della Rocca Paolina a Perugia, di Palazzo Collicola Arti Visive a Spoleto, di Palazzo Zenobio e della Biennale di Arti Visive a Venezia.

Fuori confine è stato invitato alla New York University, all’ International Sculpture Center a Chigago, alla National Gallery di Washington e al Centro Pompidou di Parigi. Nell’anno 2000 ha vinto il Premio alla Carriera del 17° Festival di Cinema sull’Arte di Montreal. 

Ha partecipato in concorso al Festival del Cinema di Torino, di Locarno e di Basilea. 

È socio fondatore dell’ Associazione Culturale RO.SA.M.

Clemens F. Kusch

Nato a Roma nel 1963, ha studiato architettura all’Università IUAV di Venezia dove si è laureato, ha conseguito il Dottorato di Ricerca nel 1993 ed ha insegnato come docente a contratto. dal 1996 opera con il suo studio professionale a Venezia, nei settori della progettazione e del project management in particolare nell’ambito delle relazioni italo-tedesche in architettura. tra l’altro è partner italiano di studi tedeschi quali gmp von Gerkan, Marg & Partner (Amburgo), per i quali segue tutti i progetti in Italia. Nell’ambito di questa collaborazione sono stati realizzati tra gli altri i i progetti per il nuovo quartiere fieristico di Rimini, il nuovo terminal aeroportuale di Ancona, la riqualificazione dell’ospedale “Borgotrento” a Verona, il centro congressi di Rimini e numerosi altri progetti di concorso tra i quali quelli per la stazione dell’AV di Firenze e del quartiere fieristico di Milano. Collabora inoltre con lo studio jswd (colonia) e per i curatori della Biennale di Venezia. E’ corrispondente di riviste tedesche e ha pubblicato numerosi saggi e articoli sull’architettura contemporanea. ha curato le pubblicazioni “Poli Fieristici”, forma editore (2013) e la “Guida all’architettura. Venezia. Realizzazioni e Progetti dal 1950”, DOM Publishers (2014). dal 2009 al 2015 è stato coordinatore dell’associazione temporanea di professionisti italo-tedesca incaricata della progettazione per la ricostruzione del castello di Berlino. Attualmente è impegnato per il progetto di riqualificazione del Ex- Tabacchificio di Bologna per la riconversione in Tecnopolo.

Luigi Prestinenza Puglisi

Luigi Prestinenza Puglisi è nato a Catania nel 1956. È critico di architettura. E’ il direttore della rivista on line presS/Tletter. E’ presidente dell’Associazione Italiana di Architettura e Critica. Ha insegnato e insegna a contratto alla Sapienza di Roma, allo IED e alla RUFA Storia dell’architettura contemporanea, Storia dell’allestimento, Teorie e tecniche della progettazione, Storia del Design. Ha scritto numerosi libri dei quali tre tradotti in inglese, uno in spagnolo e uno in coreano. Quello a cui tiene di più è: HyperArchitettura, (Testo&Immagine 1998). Quello che ha venduto di più è: This is Tomorrow, avanguardie e architettura contemporanea (Testo&Immagine, 1999). Quello che avrebbe voluto che vendesse di più è: Introduzione all’architettura (Meltemi, 2004). Quello che ha avuto le migliori recensioni: New Directions in Contemporary Architecture (Wiley, 2008). E poi vi è il Breve Corso di scrittura critica (Lettera 22, Siracusa 2012) destinato a tutti coloro che vogliono scrivere di architettura. È stato il curatore della serie ItaliArchitettura (Utet Scienze Tecniche), una raccolta dei migliori progetti realizzati dagli architetti italiani negli ultimi anni.

Vi è infine la Storia dell’architettura del 1900 è un progetto al quale LPP sta lavorando da molti anni. E’ cominciato con una trilogia di volumi editi da Testo & Immagine  (This is Tomorrow, Silenziose Avanguardie, Forme e Ombre) e si è concretizzato in un volume che si può scaricare gratuitamente dal sito www.presstletter.com , e oggi è disponibile anche nella versione a pagamento su lulu.com ( in italiano e in inglese)

LPP ha una pagina facebook, seguita al momento da 15.000 persone, sulla quale cerca di fare critica militante. Sta lavorando a una controstoria alla sua storia, che  si può seguire, nel corso del suo farsi, sulla sua pagina facebook e trovare a puntate su www.prestinenza.it dove, tra l’altro, si possono scaricare gratuitamente la maggior parte dei suoi libri.

Guido Vittorio Zucconi

Guido Vittorio Zucconi (Modena, 14 luglio 1950) è un architetto e storico dell’architettura italiano. Presidente dell’Associazione italiana di storia urbana, ne è stato uno dei fondatori.

È figlio del giornalista Guglielmo e fratello di Vittorio.

Laureatosi con la lode presso il Politico di Milano nel 1975, ha ottenuto il master in Storia dell’architettura presso l’Università di Princeton (USA) nel 1977.

Attività accademica in Italia e nel mondo

Ha insegnato presso lo IUAV, la Facoltà di Lettere dell’Università di Udine e presso il Politecnico di Milano (Facoltà di Architettura – Bovisa).

Ha tenuto cicli di lezioni presso l’Università di Edimburgo e all’École pratique des hautes études di Parigi.

Ha tenuto conferenze a Roma, Napoli, Milano, Torino, Palermo, Atene, Lione, Parigi, Londra, Edimburgo, San Paolo, Brasilia.

Fa parte del Collegio di Dottorato in Storia dell’architettura e della città, Scienza delle arti, Restauro presso la Fondazione Scuola di studi avanzati in Venezia, San Servolo. È coordinatore scientifico e membro di programmi di ricerca nazionali e internazionali.

Carmen Andriani

Architetto, docente di Architettura presso l’Università di Genova, Visiting professor presso numerose scuole internazionali, autrice di progetti pubblicati ed esposti in edizioni della Biennale di Venezia e Triennale di Milano, ha conseguito nel tempo premi e riconoscimenti. Fonda e dirige la collana ‘Forme del Cemento’ (2005/2016,ed.Gangemi/Skira). Promuove e cura il convegno multimediale ‘Ricordo al futuro’(Biennale di Venezia/MiBAC,2008), attorno ad una rinnovata nozione di patrimonio. Nel 2013 vince il premio alla carriera nell’ambito della manifestazione internazionale Icastica. Nel 2014 fonda e coordina presso il dAD /Unige il laboratorio permanente Coastal Design Lab riguardo al patrimonio industriale dismesso nell’interfaccia fra città e porto. E’ membro di numerosi comitati scientifici. Nel 2020 fonda e dirige la collana ‘Immagine e Forma’ sul rapporto fra arte, architettura e spazio pubblico.https://carmenandrianidiario.wordpress.com

www.costaldesignlab.wordpress.com

carmenandriani@arch.unige.it

Roberta Semeraro

Narratrice, storica dell’arte, curatrice e critica d’arte si laurea in lettere con indirizzo di storia dell’arte contemporanea all’università La Sapienza di Roma.

Nel 2000 partendo dalle teorie di W. Benjamin intraprende i suoi studi sperimentali sulle nuove espressioni delle arti visive e fonda l’associazione culturale “La Sesta Arte”. 

Ha curato numerose mostre personali e collettive per tantissimi artisti in spazi espositivi istituzionali come la Rocca Paolina di Perugia, il Fortino Sant’Antonio di Bari, il Museo Stauros di Teramo, Palazzo Cipolla e il Museo dell’Ara Pacis di Roma. Si ricordano anche le sue costanti collaborazioni con la città di Venezia per l’organizzazione e curatela di mostre durante le biennali.  Ha scritto numerosi cataloghi e pubblicato su diverse riviste.

Nel 2004 per il Ministero dei Beni Culturali scrive e cura la collana di documentari “I viaggi di Julie Parker” diffusa nelle edicole con la rivista Archeo della De Agostini. Scrive la sceneggiatura dei documentari “Roma, casa d’Europa” in occasione della firma della Costituzione Europea e “Musei Capitolini” diffuso nelle edicole con il quotidiano Il Tempo.

Nel 2010 fonda l’associazione culturale RO.SA.M. di cui diviene presidente qualche anno dopo. Presenta al Comune dell’Aquila il progetto “Nove artisti per la ricostruzione” con la partecipazione di Mauro Staccioli, Hidetoshi Nagasawa e Beverly Pepper di cui si ricorda soprattutto il grande teatro all’aperto disegnato da Pepper i cui lavori finanziati dall’ENI, saranno terminati nella primavera del 2018. 

Negli ultimi anni si è specializzata nella cura di progetti d’arte per la sostenibilità.

Tra i romanzi pubblicati si ricorda “L’arte per una vita, il marchese Giorgio Capranica del Grillo”, una sorta di compendio storico sulla sua lunga ricerca nell’archivio Capranica per ricostruire la complessa personalità del pittore di cui organizza l’omonima mostra al Museo Boncompagni Ludovisi di Roma.

Esther Giani

Esther Giani (Bologna, 1973) è ricercatrice in Progettazione Architettonica e Urbana dal 2010, è stata assegnista di ricerca (Iuav); è dottore di ricerca in composizione architettonica (Iuav, XIX ciclo) con una tesi sulle Scuole Nazionali d’Arte de La Habana (relatore, prof. Semerani), ha conseguito il master presso il Berlage Institute (2002) con una ricerca sulle possibilità dell’architettura di ricucire quartieri degradati con il sistema urbano (Relatori W. Arets e V. Mimica).  Nel 200 vince il premio Nuffic (Second Modernity. Individualisation in the Contemporary Metropilis, relatore: B. Lootsma), nel 1998 si laurea in architettura a Venezia, con una tesi compositiva sul paesaggio industriale di Marghera (relatore, prof. G. Carnevale). Ha svolto lunghi periodi di studio e di ricerca all’estero e ha avuto esperienze progettuali e di didattica in workshop internazionali. Dal 2000 svolge attività didattica e di ricerca all’Università Iuav di Venezia all’interno del gruppo di ricerca “Aree dismesse e Riqualificazione paesaggistica” avviata dal prof. G. Carnevale nel 2002. Ha organizzato e coordinato ricerche applicate e vari workshop nazionali e internazionali all’interno dell’Iuav ed è attiva nella diffusione dei risultati scientifici raggiunti. Dal 2007 al 2010 ha insegnato Caratteri tipologici e distributivi dell’architettura, passando poi al Laboratorio integrato di Progettazione, sempre presso la facoltà di Architettura di Venezia. Dal 2012 è docente del Dipartimento di Architettura Costruzione Conservazione dell’Iuav, di cui è membro di giunta dal 2015. È membro dei clusterLab MargheraLab ed E.D.A. Nel 2016 ha curato una mostra di opere (pittoriche e scultoree) di Le Corbusier e una giornata di studi, raccolta nel volume Sconfinamenti. Opere di Le Corbusier allo Iuav di Venezia (Antiga ed. 2017). È autrice del volume Il riscatto del progetto. Vittorino Garatti e l’Ena dell’Avana (2007) e curatrice e co-autrice con G. Carnevale di vari libri sul tema del distretto industriale di Venezia, per i tipi di Officina ed. di Roma. Per Marsilio ha curato i volumi dei Workshop estivi Iuav dal 2007 al 2011 di cui è stata coordinatrice fino al 2012. Per Foschi editore (2010) è la sua prima intervista italiana a D. Francis Kéré. Ha partecipato alla Biennale di Venezia (2004 e 2010), alla Triennale di Milano (2006), alla piattaforma adriatica con progetto Zhong Schang pubblicato per ListLab (2010 e 2013). Con ListLab è in corso di pubblicazione Porto Marghera ATLAS (2018). Pubblica periodicamente articoli all’interno di «Iuav Giornale dell’Università», con Iuav ha pubblicato gli esiti della ricerca sul Vallone Moranzani (2011); è presente in pubblicazioni collettive; partecipa a convegni, concorsi di progettazione, ricerche ed esposizioni internazionali.

Judith DiMaio

Judith DiMaio, FAIA, RIBA is a licensed architect. In 2013 she was inducted into the Society of Fellows of the American Institute of Architects FAIA). This is a prestigious position only granted after a rigorous selection process based on portfolio, academic accomplishments and the extent to which someone has contributed to society through their profession. The statement made by the Selection Committee of the AIA reads as follows: 

DiMaio is an architect, educator and influential design strategist. Her research-based design approach has repositioned history as an active trans-historical component in the design process, expanding the repertoire of architectural strategies for students and professionals.

Her decades in academia combined with her extensive world travel have enabled her to forge a unique role within the architecture and design industries Her time as a Senior Designer at Kohn Pedersen Fox (KPF), a New York based architectural firm, provided her with the opportunity to apply her unorthodox methodology to design and problem solving where her designs received praise from both the firm and the press. 

In 2016 the firm of Bruce Nagel and Partners invited Ms. DiMaio to join as Design Partner. She was a partner through 2019, at which time she resumed a position as consulting architect based in Rome, Italy. 

DiMaio is Dean Emerita of NYIT’s School of Architecture and Design, and is currently a Professor for the University of Notre Dame du Lac’s Rome Program. Ms. DiMaio was previously an Associate Professor at Yale’s School of Architecture. DiMaio has been a visiting professor and lecturer at numerous universities here and abroad.  Ms. DiMaio holds a M Arch from Harvard, a B. Arch from Cornell, and a B of Arts  from Bennington College. She was awarded the Rome Prize in Architecture and subsequently a Fulbright-Hays Scholarship.

EnglishItalian